Bang bang… you're (drawing) dead!

Eccola qui, la frase che nessun giocatore vorrebbe sentire… beh, per chi sa cosa significa ovviamente! Per tutti gli altri, ci siamo qui noi ;-)

viveredipoker-drawing_dead

Quando siamo al tavolo e ci viene detto “sei in drawing dead” vuol dire che ormai siamo spacciati, non c’è più niente da fare. È una frase che solitamente viene usata quando c’è un all in e le carte dei giocatori sono scoperte, quindi tutti insieme si va a vedere il flop.

Con l’esempio diventa tutto più coinvolgente, quindi supponiamo di avere in mano Asso-Asso e decidiamo di mettere nel piatto tutte le nostre fiches. Un avversario al tavolo ci chiama, noi già ci lecchiamo i baffi… quando gira poi le carte, scopriamo che ha Kappa e Jack a colore.

Sul flop, il mazziere gira un Asso (che ci dà il tris), una Donna e un 3. Ahinoi, Asso e Donna sono dello stesso seme del Kappa e Jack del nostro avversario. Succede poi che il turn è un 10 – se dobbiamo fare un’ipotesi facciamola in grande – appunto a colore con Asso, Kappa, Donna e Jack, quindi l’altro giocatore chiude l’ambita scala reale… pensa te, succede una mano su un milione, proprio contro di noi…!

Ecco, in questo caso siamo in drawing dead: qualsiasi sia la carta che esce al river noi abbiamo perso, anche se chiudiamo un poker d’Assi.

Amaro, ma è così: quando non è il river il fautore della sconfitta e si sa già prima che non c’è nulla che ci possa salvare, le campane suonano il triste motivetto della drawing dead.

E poi si dice “maledetto river”…



Viva la Fiches - Il manuale del Poker Texas Hold'em
 
VivereDiPoker SHOP

Lascia un commento