Come adattare il proprio gioco in base al Fattore M

L’altra volta vi abbiamo insegnato cos’è e come si calcola il Fattore M nel Texas Hold’em, questa volta vi insegnamo come adattare il vostro gioco in base ad esso con uno schema semplice ma funzionale.

fattore-m-stile-di-gioco

Piccolo ripasso:
Il Fattore M indica i giri di bottone che siamo in grado di giocare in base al nostro stack. Si calcola dividendo il proprio stack per la somma che dovremo pagare ogni giro: stack / BB + SB + somma ante = Fattore M

Ora che abbiamo ottenuto il nostro Fattore M, sarebbe opportuno regolare il nostro gioco di conseguenza, e la tabellina qua sotto ci darà una mano.

Fattore M: 20 o più
Abbiamo un ottimo stack e potremmo entrare in gioco con moltissime mani, anche quelle marginali. Potremmo sfruttarlo per diventare più aggressivi con rilanci frequenti o per rubare i bui nel caso lo trovassimo opportuno. Insomma, il nostro stack ci permette di giocare come vogliamo… Anche fare un semplice call con Asso Asso nel caso vi piaccia fare i ninja!

Fattore M: tra 20 e 10
Buon stack che però inizia a non essere una garanzia nel lungo termine. Possiamo ancora giocare molte tipologie di mani ma iniziamo ad essere prudenti ed evitare rilanci troppo aggressivi a meno di non avere delle monster hand. Volendo possiamo permetterci il lusso di giocare le coppie medio-basse con un semplice call nella speranza di legare il tris (settare) per poi aggredire post flop.

Fattore M: tra 10 e 5
Qua è meglio aspettare proprio le monster hand e rilanciare aggressivamente pre-flop per prenderci i bui inizia a diventare una necessità: un piatto vinto, a seguito del fold di tutti i nostri avversari, aumenta il nostro Fattore M di 1 punto. Quindi meglio giocare “pieni” per evitare di perdere in caso qualcuno chiami il nostro maxi-rilancio.

Fattore M: 5 o meno
Ahia. Qua stiamo messi maluccio… Abbiamo pochissime mani ancora che ci verranno servite e non possiamo permetterci il lusso di aspettare mani ottime per giocare, rischierebbero di arrivare troppo tardi, quando il nostro stack non metterebbe più paura a nessuno. Se ci sono stati molti call al tavolo, sarebbe opportuno fare call, specie con carte suited-connectors basse (i molti call fanno intuire la presenza di molte carte alte già in mano ai nostri avversari).



Viva la Fiches - Il manuale del Poker Texas Hold'em
 
VivereDiPoker SHOP

Lascia un commento