Come arrivare ad un tavolo finale in un torneo online? il Dottor Nuts risponde!

Ci scrive un nostro lettore Marco, con la domanda che tutti prima o poi ci siamo posti: c’è qualche strategia per centrare un tavolo finale in un super torneo online? Di seguito trovate la domanda di Marco e la relativa “soluzione” del nostro super dottore. Enjoy!

Salve Viveredipoker, e soprattutto, salve Dottore,
sono Marco e da 2 anni oramai mi approccio al poker texas hold’em giocando soprattutto tornei online da 1000/1200 persone!
Per quanto mi impegni, giochi tight, conti sempre pot/odds e outs non sono mai riuscito a centrare un tavolo finale, mi aiutate?
O meglio, esiste una strategia da seguire? degli step?
Grazie mille attendo con impazienza la risposta e complimenti per il sito!!!
Ciaoooo
GG


Ciao Marco,
benvenuto nella “clinica del poker” del Dottor Nuts!
Passiamo subito in sala operatoria; per centrare un tavolo finale ad un torneo online da 1000/1200 persone la cosa fondamentale da fare è avere un “sedere di cuoio” ovvero molta, molta pazienza.
Di certo caro Marco non potrai affidarti solo alle monster hand e alle coppie in mano in quanto fanno un totale di 126 combinazioni che, su un totale di 1326 combinazioni possibili nel Texas Hold’em, vogliono dire uno scarso 10,52% di mani giocabili, troppo poche per arrivare ad un tavolo finale! Ricordandoti poi che comunque dovrai adattare il tuo stile di gioco in base ai vari livelli di bui ed ai giocatori che ti ritroverai davanti eccoti una buona soluzione al tuo problema.

La cosa migliore in questo caso è frazionare il torneo in 3 fasi: bui bassi, bui medi, bui alti…
Ad inizio torneo, le pot odds, saranno dalla tua parte, limpare da late position, o in piatti interessanti, è sicuramente una buona scelta e nel caso non dovessi legare niente di interessante al flop, potresti abbandonare la mano senza troppi rimpianti! Per questo gioca molti connector, ancora meglio se suited, e aspetta un flop favorevole.

Non appena i blinds inizieranno a salire dovrai cambiare strategia ed iniziare ad aggredire i giocatori più chiusi con molti raise, continuation bet e così darai un immagine di un giocatore loose/aggressive e non appena ti troverai una monster in mano (vedi AA,Ak, KK), nessuno ti crederà e saranno dolori, per gli altri.

Tieni questa strategia fino all’arrivo della zona bolla, perché, come ben sai, in questa fase gli “short stack” diventano chiusissimi e li entri in gioco tu: raise, riraise e ririraise sugli short stack, ogni mano può essere buona, tu punti in alto, loro a non uscire senza premio!
Dopo lo scoppio della bolla, i bui inizieranno ad essere davvero copiosi, la strategia cambia nuovamente: non scontriamoci contro i cheapleader del tavolo e stiamo alla larga dagli short stack, potrebbero chiamare i nostri raise con mani monnezza per cercare un double-up; la tattica sta nel concentrarsi contro gli stack medi, e soprattuto coi giocatori tight del tavolo, che come noi, vogliono arrivare al tavolo finale e non giocheranno mai ne fuori posizione, ne con mani mediocri.

Da adesso fino al tuo obbiettivo Marco, la strategia da tenere sarà questa, ricordanti però che “la fortuna è cieca, ma la sfiga vede bene“!
Sperando di esserti stato utile, fammi sapere come si troverà con questo “farmaco”! ^^

A presto
Il suo Dottor Nuts

 



Viva la Fiches - Il manuale del Poker Texas Hold'em
 
VivereDiPoker SHOP

Lascia un commento