Corrado Montagna: al WSOP ci vado senza pensare alle teorie sul poker

Solitamente non perdiamo tempo con le asettiche news sul poker, ma questa merita: Corrado Montagna ha dichiarato “Per migliorarmi solo poker, zero teorie e studio“. Ah beh…….….

corrado-montagna

Per la cronaca, Corrado Montagna è una figura sconosciuta nel mondo del poker fino all’anno scorso in cui, grazie a una qualificazione online è riuscito ad entrare al WSOP e ne è uscito decorosamente al 43esimo posto, la posizione migliore di un connazionale al World Series of Poker di tutti i tempi.

Fin qua, tanto di cappello. Peccato che Corrado, durante un’intervista abbia fatto un’uscita a dir poco fuori luogo: “(…) temo anche che tante teorie possano offuscare la vista del giocatore e quindi cercherò di non pensare troppo a questo mentre giocherò. Anzi, forse cercherò proprio di non pensare e di giocare senza farmi condizionare da paure e ragionamenti fin troppo complicati“.

Insomma, tutto quello che abbiamo scritto sinora su VivereDiPoker e che abbiamo voluto condividere con voi, non serve ad una minchia! Cosa serve studiare se basta giocare a naso? Le probabilità sono solo un’opinione….. Non servono teorie, al WSOP basta andare a sculare, e se poi il destino ti da pure ragione, noi di VivereDiPoker, della vita, non abbiamo capito un cacchio!

Massì dai, buttiamo nel cesso tutte teorie, logiche, studi, percentuali, probabilità… e mi raccomando Corrado, ricordati di tirare l’acqua prima di partire per Las Vegas!

Eppure a noi, sto Corrado Montagna ricorda tanto qualcuno………………

Dumb-and-Dumber



Viva la Fiches - Il manuale del Poker Texas Hold'em
 
VivereDiPoker SHOP

2 Responses to “ Corrado Montagna: al WSOP ci vado senza pensare alle teorie sul poker ”

  1. AndyBello Says:
    maggio 31st, 2010 at 15:39

    Ma poi ci faranno un film su questo Montagna, “Donk and Donker”? :-D

  2. Ale Stralo Says:
    maggio 31st, 2010 at 19:43

    “Non è calcolando le probabilità che si vince al poker. Ma ignorandole completamente per troppo tempo di certo si diventa perdenti. I giocatori fortunati non durano.”

Lascia un commento