Il bello e il brutto del Cash Game

Nel Texas Hold’em sia on-line che dal vivo possiamo trovare due varianti: i tornei classici oppure il cash game.


money 

Il cash game è quello tipico del casinò, letteralmente significa “gioco a soldi” ed è quello in cui l’unica cifra prestabilita è quella dei bui. Ognuno può portarsi al tavolo la somma di denaro che vuole, quindi ovviamente ci sono i comuni mortali (come noi!) che si presenteranno al gioco con 2 Euro in comodi tagli da un centesimo e quelli stile petrolieri texani con il carretto di lingotti d’oro al seguito.

Ovviamente possiamo trovare on-line le partite con bui da 1 o 2 centesimi come pure quelle in cui il piatto minimo sono 500 o 1.000 Euro, quindi è molto probabile che sui tavoli dove la posta in gioco è minore non troveremo i grandi professionisti ma gente come noi che gioca per divertirsi.

Il bello del cash game è che, visto che nel piatto si mettono soldi veri e non fiches, la gente gioca molto più cauta, non ci sono all-in selvaggi e i rilanci sono comunque misurati. Il gioco in sostanza è solitamente più tranquillo che nei tornei e gli avversari moderano le puntate con un certo criterio.

Un altro pregio è senz’altro quello che possiamo entrare ed uscire dal tavolo quando desideriamo, quando scopriamo che i nostri 2 Euro sono diventati 4 possiamo levare le tende prima di perderli :-D

D’altro canto, il cash game giocato con cifre basse non è emozionante come un torneo, in quanto quello che possiamo vincere è comunque limitato e non ci permette di sognare di arrivare ad una finale importante, magari proprio al WSOP (World Series Of Poker)!

Un altro difetto di questo tipo di Texas Hold’em è che, mentre in un torneo se perdiamo la cifra è comunque limitata, nel cash game se ci facciamo prendere la mano i soldi persi potrebbero diventare davvero molti.

Il poker è divertimento… se nel piatto invece di dischetti colorati c’è del vil denaro dov’è la parte ludica? ;-)



Viva la Fiches - Il manuale del Poker Texas Hold'em
 
VivereDiPoker SHOP

Lascia un commento