Il Poker, un gioco sempre più ciòvane

Tempo fa il Poker era un “gioco” per grandi, ma l’avvento dell’online e i tornei sit&go da pochi soldi, l’hanno fatto diventare alla svelta un gioco a portata di tutti, specie i più giovani. Un gioco per i ciòvani, insomma! :-) Poker-giovane
La TV ha fatto il suo ruolo: programmi e spot pubblicitari hanno incuriosito un po’ tutti ed ora è davvero difficile trovare qualcuno che non conosce questo sport. Anche le nostre nonne ne sono a conoscenza… e un paio di noi hanno pure provato a spiegare le regole… non fatelo! Vi chiederanno un computer e una connessione ad Internet! :-D

Altra ruolo fondamentale del successo del Poker, è la sua democrazia. Ora non contano più i rilanci che abbiamo spesso visto nei film a suon di milioni o case: ora si paga una quota d’ingresso e si parte tutti con lo stesso numero di chips. Finite quelle sei fuori. Non conta quanti soldi hai in banca. Al tavolo sei uguale a tutti noi!

L’accelerata finale è stata data dall’online: non importa se abiti in un paese di 500 anime o in una metropoli, basta una connessione a internet, un paio di click e sei ad un tavolo verde, a giocare contro persone di tutte le città. Fuori piove e fa freddo? Poco importa, non serve una macchina e mettersi in moto verso una poker room. E così, tutti i ragazzi che hanno internet e magari pochi euro per iniziare a giocare. E a volte non servono nemmeno quelli, ci sono i freeroll!

Ed ecco che il mondo del Poker sta vedendo sempre più giovani che fanno il loro ingresso: il Main Event del World Series of Poker è stato vinto da Joseph Cada (nella foto) di ventun’anni, Annette Obrestad ha vinto il World Series of Poker Europe e come loro tanti altri pischelli stanno guadagnando titoli su titoli…. e soldi!!! E vi cosa aspettate a vincere un bel torneo e diventare gli sponsor di VivereDiPoker.com? :-D



Viva la Fiches - Il manuale del Poker Texas Hold'em
 
VivereDiPoker SHOP

Lascia un commento