Il Texas Hold'em per le donne: il nickname

Questo articolo viene scritto dalla ragazza del team di Vivere di Poker: ci firmiamo tutti come “admin”, ma siamo un gruppo di  più persone tra cui anche una rappresentante del gentil sesso che ci racconta la sua esperienza di come cambia il comportamento degli avversari se al tavolo (reale o virtuale che sia) vi è seduta una donna…poker_donne_nickname

Noi ragazze lo sappiamo bene, purtroppo non tutti sono così aperti mentalmente da accettare le donne al tavolo senza farsi influenzare dalla barriera sessuale. In fondo noi abbiamo lo stesso diritto di stare sedute e giocare a poker accanto ai colleghi maschietti, eppure spesso capita che i meno (concedetemi il termine!) intelligenti ci trattino con sufficienza o addirittura con maleducazione.

Essere sottovalutate torna comunque a nostro vantaggio, infatti possiamo agire indisturbate e dimostrare la nostra bravura sotto le mentite spoglie di cerbiatti indifesi ;-)

Ci tengo a specificare, per fortuna non tutti gli ometti sono così, infatti nel nostro team devo dire che – pur essendo l’unica femminuccia – gli altri si comportano molto bene con me, dimostrandomi rispetto e non trattandomi come un’incapace!

Nel poker dal vivo purtroppo nulla possiamo per nascondere le nostre fattezze femminili, quindi dobbiamo per forza dimostrare di essere all’altezza della situazione facendo del nostro meglio e cercando di giocare il nostro miglior poker: poi non fa niente se non vinciamo, l’importante è (come diciamo sempre) divertirci e passare una bella serata.

Quando però si parla di poker on-line la faccenda si fa più complicata: lo sappiamo tutti che quando un avversario perde contro di noi, uomini o donne che siamo, ci sciroppiamo una serie di irripetibili insulti via chat che possiamo anche fingere di ignorare ma che colpiscono comunque il nostro orgoglio di giocatori.

Se però provate anche voi maschietti ad iscrivervi ad una poker room con un nickname femminile vi renderete conto di quanto gli avversari diventino ancora più maleducati e offensivi nei vostri confronti: bene che vada, troverete qualche marpione che vi domanderà il vostro account msn per instaurare un rapporto più intimo.

Come tutte le donnine, la sensibilità è uno dei tratti salienti del mio carattere, e non mi vergogno a confessarvi di quanto mi faccia male sentirmi dare dell’idiota solo perchè ho nascosto bene il mio full d’Assi e ho così  eliminato un avversario del torneo.

Così ho deciso di fare un esperimento: oltre al mio solito account dal nome civettuolo mi sono iscritta ad altre poker room nascondendomi dietro ad un nickname maschile: ed ecco che hanno iniziato ad arrivare i complimenti “bella mano!”, “tu sì che giochi del buon poker”, “che numero… da campione!” e via dicendo.

Non sono mancati i soliti “pollo” e “donkey”… ma sono diminuiti esponenzialmente.

Ecco, ciò che vorrei quindi suggerire alle ragazze che amano il poker è di usare sempre dei nickname che non espongano l’essere donne, usare nomi di fantasia o proprio da uomo, così vi risparmierete tutta una serie di insulti che altro non fanno che distrarvi dal gioco.

…certo, poi non dimentichiamoci che possiamo anche tenere la chat chiusa o bannare alcuni avversari! ;-)



Viva la Fiches - Il manuale del Poker Texas Hold'em
 
VivereDiPoker SHOP

2 Responses to “ Il Texas Hold'em per le donne: il nickname ”

  1. xddssdb Says:
    novembre 15th, 2009 at 17:30

    se dopo una donkata invece di “donk” ti scrivono “bravo”, non è a causa del nick maschile o femminile… ma è perchè “donk” è stato cancellato e sostituito con “bravo” prima di premere -invio- da qualcuno che è riuscito a controllarsi….

    al contrario un nick femminile attirerà le sbavanti simpatie di quella parte di utenza maschile che non ha ancora conosciuto il sesso… (“che mi importa se mi batte? sto chattando con una FEMMINA!! yuh huhhhh”)

  2. Cla Says:
    dicembre 22nd, 2010 at 06:03

    E’ vero, é ora di smetterla con questi pregiudizi beceri e maschilisti. Un paio di donne che giocano bene al poker ci sono, le altre dovrebbero dedicarsi all’uncinetto.
    Ma le 3 o 4 che rimangono sono fortissime.

Lascia un commento