La Dead Man's Hand

C’è una leggenda nel poker che è una delle più famose e menzionate sui tavoli verdi, ossia quella della Dead Man’s Hand, la mano del morto.
dead_man_hand

Erroneamente, alcuni credono che sia un full di 4 e 9, ma questa leggenda metropolitana non ha nessun fondamento storico; noi pensiamo che derivi semplicemente da un pensiero del tipo “se chiami il mio all in con 4 e 9 e vinci devi aspettarti che quando usciamo dalla poker room io ti possa sparare!” :-D

La storia si basa sul poker classico a cinque carte, ma anche nel mondo del Texas Hold’em si sente spesso parlare di questa celebre mano, che corrisponde a una doppia coppia di Assi e 8.

Per capirne l’origine dobbiamo fare un salto indietro nel tempo, per la precisione nel lontano Far West intorno all’anno 1876; il protagonista è Bill Hickock, un personaggio realmente esistito, che secondo la storia venne ucciso durante una partita a poker in un polveroso saloon proprio mentre aveva in mano questa doppia coppia.

Come per ogni leggenda che si rispetti, è dato per assodato il fatto che gli Assi e gli 8 fossero tutti di seme nero, mentre la quinta carta rimane avvolta da un velo di mistero ed esistono numerose versioni sul suo valore, pare invece certo che il seme fosse quello di quadri.

Alcuni sostengono che fosse una Donna, per altri invece era un Jack; c’è poi un’ulteriore versione che narra che questa quinta carta non esistesse proprio, in quanto Hickock venne ucciso proprio mentre stava effettuando il cambio per tentare il full.

La fonte più attendibile, ossia nel Saloon n° 10 di Deadwood nel South Dakota, proprio quello in cui avvenne il fattaccio, riporta come quinta carta un 9.

Rimane il fatto che la Dead Man’s Hand resta tutt’oggi una delle più usate in tutti i film in cui si parli di poker, addirittura nella pellicola “The man who shot Liberty Wallace” (se non avete visto il film non leggete la frase fino in fondo o vi rovinerete il finale!) il protagonista muore proprio dopo aver giocato in una partita a poker la celebre mano.

Ora, storia o no, non sappiamo voi ma noi ci guarderemo bene dal giocare con Asso e 8: superstizione eccessiva? Può darsi, ma chi avrebbe il coraggio di uscire dalla poker room dopo aver vinto una mano grazie alla doppia coppia incriminata? :-D



Viva la Fiches - Il manuale del Poker Texas Hold'em
 
VivereDiPoker SHOP

Lascia un commento