La nostra sfida personale: giugno 2009

Per tutti quelli che stanno portando avanti la propria sfida personale insieme a noi, è giunto il momento di fare il punto della situazione per quanto riguarda i progressi che abbiamo raggiunto nel mese di giugno: beh, piccolini, eh… ma ci sono stati ;-)

sfida_personale_poker

Per iniziare, specifichiamo nuovamente che tendiamo a non mettere i nomi delle poker room in cui giochiamo non per vergogna, anzi, siamo piuttosto orgogliosi anche se si parla di piccolissimi successi, ma per il semplice fatto di cercare di rimanere super-partes. Non vogliamo influenzarvi e suggerirvi una piattaforma di gioco piuttosto che un’altra, l’unico requisito fondamentale è cercare di giocare il nostro miglior poker, tutto il resto passa in secondo piano!

Il numero di tornei è stato una media di sei a settimana suddivisi in tre serate e- ovviamente – uno alla volta rigorosamente, per mantenere la concentrazione alta ed essere sicuri di dare il massimo in ogni partita.

Dopo la serie di freeroll iniziali che ci permettessero di raggranellare un po’ di soldini per sederci ai tornei un po’ più seri (qui si parla di cifre da capogiro, eh :-D ) siamo passati ai Sit&Go da 50 centesimi e da un dollaro: come suggeritoci da Chris “Jesus” Ferguson, abbiamo iniziato con i tornei da un tavolo solo, che anche se non permettono vincite esorbitanti sono comunque più giocabili per chi come noi non ha esperienza da vendere.

Bene, ora abbiamo raggiunto una trentina di dollari a testa, chi un paio in più e chi un paio in meno, ma siamo orgogliosi di annunciare che nonostante i momenti stile montagne russe siamo riusciti a chiudere il mese di giugno in attivo e dopo due mesetti abbiamo messo da parte un bankroll (denaro giocabile) che ci permette di perdere qualche torneo senza tornare a 0… almeno speriamo.

In alcuni momenti siamo stati tentati di provare qualche torneo un po’ più grosso, ma abbiamo resistito: solo con i piccoli passi si può arrivare a risultati seri, solo con i piccoli passi siamo certi che anche se cadiamo riusciremo a rialzarci.

Così, mentre a Las Vegas i più abbienti e capaci si sfidano sui tavoli del Main Event del World Series of Poker, noi qui da una piccola città dell’Italia proviamo ad emulare i grandi campioni per vincere la nostra sfida personale.

All’inizio non abbiamo però pensato a un obiettivo danaroso da raggiungere per dichiarare la sfida vinta… voi cosa suggerite? Dite che il milione di dollari sia una cifra troppo arrogante? :-D

Teneteci aggiornati anche voi sui vostri progressi… è bello gioire dei propri piccoli successi tutti assieme e darci man forte quando ci sembra che questa scalata sia dura e impegnativa… ad ogni modo noi ci stiamo divertendo come pazzi, e sapere che tutto questo non ci è costato un centesimo se non la connessione ad internet ha il sapore di una vittoria ben più grande… alla faccia di chi pensa a ottimizzare i guadagni e non coglie lo spirito ludico del mitico Texas Hold’em.



Viva la Fiches - Il manuale del Poker Texas Hold'em
 
VivereDiPoker SHOP

3 Responses to “ La nostra sfida personale: giugno 2009 ”

  1. Marco Says:
    luglio 15th, 2009 at 21:46

    Finalmente qualcuno che non dice che sta guadagnando lo stipendio! Tutti quelli che conosco DICONO di guadagnare soldoni. Mi sembra di essere l’unico che gode quando vinco anche solo 1 euro!!!!!!

  2. Giacomo Says:
    luglio 15th, 2009 at 23:40

    Anch’io ho amici che a sentir loro tra un anno o due avranno accumulato i soldi per comprarsi la casa… nessuno che ammetta di aver solo perso soldi

  3. Zio Tobia Says:
    luglio 19th, 2009 at 19:17

    Io ero arrivato a 10 euro su Titan Poker… e dopo ho perso quasi tutto come un pirla per fare un torneo da quasi mille persone con 5 euro di buyin… che pollo, me lo dico da solo!
    Mi sa che da adesso seguirò alla lettera quello che insegna Jesus Ferguson… speriamo bene!

Lascia un commento