Mani servite: le 5 migliori combinazioni

Vediamo quali sono le 5 migliori “starting hands” (mani di partenza) e come gestirle al meglio.

viveredipoker-mani-di-partenza

Di seguito una mini classifica delle 5 migliori mani che ci possono essere servite dal dealer, quelle mani che ci danno una probabilità di vittoria alta e vediamo come possiamo giocarle per massimizzare il piatto… e magari evitare sculate!

1 – Asso Asso
Pre-flop: ognuno la gioca come gli pare, è vero… c’è chi fa il ninja e si nasconde facendo un semplice call. Noi preferiamo evitare le sculate, quindi un bel raise dovrebbe far foldare gran parte del tavolo e tenere in gioco solo i giocatori “pieni” cioè quelli che hanno una bella mano… o semplicemente tante fiches da cui attingere!

Post-flop: gli American Airlines sono la mano migliore in assoluto che possiamo avere, ma ricordiamoci che se il flop non ci è favorevole, ci troviamo in mano una “semplice” coppia, quindi come sempre, non innamoriamoci troppo delle nostre carte e troviamo il coraggio di foldare.

2 – Kappa Kappa
Pre-flop: vale il discorso che abbiamo fatto per Asso Asso. KK è un’ottima mano che, secondo noi, va giocata sempre e comunque… a meno che non siamo dei giocatori piuttosto chiusi e prima della bolla ci siano gia stati all-in e call prima della nostra azione. Ma qua, come sempre, è tutto a discrezione del nostro stile di gioco. In ogni caso, un bel raise non sta mai male.

Post-flop: la cosa migliore è spingere, quindi puntare tanto, ma attenzione, un solo asso potrebbe compromettere seriamente i nostri cowboys, quindi occhio agli assi e non fissiamoci troppo che la nostra mano è ottima.

3 – Donna Donna o Jack Jack
Pre-flop: queste pocket pair sono molto belle da vedere ma sono mani difficili da gestire. Un raise sta sempre bene, se non altro per indagare e vedere chi è “pieno” al nostro tavolo. Quì diventa fondamentale saper leggere i nostri avversari al tavolo e capire se qualcuno che ha fatto un eventuale raise prima di noi lo fa “per principio” o se, da giocatore chiuso, rilancia con monster hand. In questo caso se il nostro stack ce lo permette, possiamo limitarci ad un call, ma se siamo corti dobbiamo imparare, a malincuore, anche a saper foldare.

Post-flop: Un Asso o un Kappa al flop diventano pericolosi, ma in loro assenza potremmo puntare e se dovessimo legare il tris, beh, in quel caso possiamo spingere senza problemi.

4 – Coppie inferiori al Jack (10-10, 9-9, 8-8 ecc.)
Pre-flop: molti dicono di difendere le coppie, anche quelle piccole, con grossi raise. Noi consigliamo di limitarci ad un call nella speranza di settare (cioè legare il tris). Ricordiamoci che le probabilità di chiudere tris al flop avendo una coppia in mano avviene di media 1 volta su 8, quindi “speriamoci” ma non facciamoci troppo affidamento e ricordiamoci che la nostra coppia rischia di “esplodere” facilmente

Post-flop: una frase famosa del poker dice “no set, no bet”, cioè se non avete legato il tris non puntate, quindi evitiamo di fare gesti strani e limitiamoci ad un check nella speranza di avere una carta gratis da vedere.

5 – Carte alte connectors (Asso-Kappa, Kappa-Donna, Donna-Jack)
Pre-flop: questo genere di mani possono rivelarsi molto redditizie e un bel raise prima del flop potrebbe aiutarci a massimizzare il piatto e a far foldare i giocatori meno convinti delle loro mani. Quì bisogna fare attenzione alle mani che potrebbero essere dominate in partenza (AJ vs AQ) nel caso ci sia un raise prima di noi.

Post-flop: se leghiamo la top pair, ci troviamo ad avere un ottimo kicker, quindi giocare aggressivo potrebbe premiare, specie contro i giocatori deboli o quelli che ci hanno chiamato con un kicker peggiore del nostro



Viva la Fiches - Il manuale del Poker Texas Hold'em
 
VivereDiPoker SHOP

One Response to “ Mani servite: le 5 migliori combinazioni ”

  1. spazzan1 Says:
    dicembre 13th, 2010 at 13:27

    ho appena letto il post, al pre-flop ho un bel A-K colore e gli altri vanno allin…
    li seguo, uno stronzetto con coppia di 3 ci ha battuti tutti………………………….
    vacca-boia che rabbia…

Lascia un commento