Poker Live in Italia: la situazione a inzio 2011

L’inizio di un nuovo anno è il momento migliore per tirare le somme su le cose per noi importanti. E cosa può esserci di importante per un sito che si chiama VivereDiPoker?

geppo-pokerGeppo, la nostra mascotte. Con lui giochiamo a “crocchette”…

La situazione del poker live in Italia è PATETICA. Diciamocelo chiaro.
Sono ormai 2 anni che hanno reso ILLEGALE il Poker dal vivo nel nostro paese con la scusa che “serviva una regolamentazione”.

Noi, da veri appassionati di Poker da un lato ci avevamo quasi creduto. L’apertura selvaggia di locali in cui i gestori si improvvisavano floorman, in cui i tornei avevano regole diverse da una poker room ad un’altra (una volta, tra le tante, abbiamo assistito in prima persona ad uno “split per colore in tavola” anche se uno dei giocatori aveva un asso dello stesso seme in mano…) stava portando il poker alla portata di tutti, ma in modo davvero non regolamentato: tornei con rake esagerati, re-buy non conteggiati nel montepremi, collusion oltremodo evidenti tra “i soliti clienti” contro gli “stranieri”. Insomma era un vero casino giocare un SANO poker. E questa famosa regolamentazione com’è arrivata?
Semplice: NIENTE POKER LIVE IN ITALIA!
Nonostante le varie promesse, date di proposte legge continuamente rimandate ecc ecc Giocare dal vivo a Poker in Italia è ancora illegale.

Ma non finisce qua: l’AAMS sta creando un vero e proprio clima di terrore per tutti quei siti che pubblicizzano poker room non autorizzate da lei stessa. La pena? La reclusione fino a 3 anni e svariati migliaia di euro a chi mette link o banner verso poker room bloccate. O sarebbe meglio dire “verso poker room su cui lo stato italiano e aams non prendono la mandorla”…. Perchè è questa la regolamentazione che c’è stata promessa: solo poker online e solo in poker room controllate dall’AAMS.
Avere un regolamentazione può essere anche una cosa positiva, ma senza alternative come potrebbero essere delle poker room reali e convenzionate (come accade per i bingo ad esempio) qua siamo in vero e proprio proibizionismo….

Alternative per giocare dal vivo? Quasi inesitenti.
Ci sono i casinò – anche quelli vicini ai nostri confini – ma organizzano pochi tornei, buy-in non alla portata di tutti e spesso organizzati male. Di recente ci siamo spostati in Slovenia per provare un torneo di questi e cosa abbiamo scoperto? La maggior parte dei casinò ha eliminato le poker room per far spazio alle “macchinette”. E nei pochi casinò che organizzano tornei live ci siamo persino ritrovati davanti ad un torneo con 11 giocatori per tavolo, con tanto di giocatori che saltavano la “waiting-list” perchè, a detta degli organizzatori, “avevano telefonato prima”…. Cazzo, e noi che siamo qua da 1 ora!!?!?!?!
Abbiamo contattato via mail una dozzina di casinò, proponendo loro di inviarci i loro programmi per i tornei dal vivo, che avremmo pubblicato GRATUITAMENTE nel sito. Risposte? Zero, nada, nisba, niente… NESSUNA RISPOSTA.

Ok amici, questa è la situazione del Poker Live in Italia: le poker room dal vivo sono illegali e quelle online non autorizzate dall’aams sono irraggiungibili (oltre che illegali…).

Un nostro consiglio? Giocate a poker tra amici, in garage, in cantina, in soffitta, dove volete, basta che non giochiate a soldi: è illegale anche quello nel nostro paese….. Non resta che giocare ai gratta e vinci:



Viva la Fiches - Il manuale del Poker Texas Hold'em
 
VivereDiPoker SHOP

3 Responses to “ Poker Live in Italia: la situazione a inzio 2011 ”

  1. Antonio Says:
    gennaio 10th, 2011 at 12:35

    Condivido completamemte.
    La parola PATETICA che avete usato racchiude perfettamente i pensieri che provo. Una volta passavo interminabili ore a giocare nel locale della mia città in cui c’erano tornei con Buoni Consumazione in palio. E ci si divertiva davvero…..

  2. silvio Says:
    gennaio 10th, 2011 at 12:46

    Ridateci il poker liveeeeeeee!!!!!!!!!!!!

  3. AndyBello Says:
    gennaio 11th, 2011 at 17:10

    Io rivoglio il poker live… dai, non scherziamo, quei tornei che fanno nei casinò voglio vedere in quanti se li possono permettere. I tornei da pochi euro hanno un rake mostruoso, e appunto qui in Italia non è che ne facciano molti. È assurdo, siamo un Paese medievale, i nostri politici hanno la mentalità di Topolino con le tecniche del proibizionismo.
    E pensare che con il poker live legale ne guadagnerebbero tutti…

Lascia un commento