Rubare i bui a chi è assente su internet: furbizia o ladrata?

Questo post nasce proprio dalla voglia di aprire un dibattito con voi, per conoscerci meglio e dare la possibilità a tutti di esprimere la propria opinione: qui non si tratterà di una mera descrizione ma tutto parte da una domanda che ci siamo posti più volte… rubare i bui quando giochiamo a poker online e l’altro giocatore è assente è eticamente corretto?   rubare_bui

Ora, giusto per dovere di sincerità, tutti noi prima o poi l’abbiamo fatto: l’avversario a un certo punto della partita perde la connessione e noi giochiamo il più velocemente possibile per mangiargli le sue fiches.

Qui entra in gioco la giustificazione personale, ossia “sono convinto che se si fosse trovato lui al mio posto avrebbe fatto esattamente come me”… ma non è detto.

Non possiamo essere certi che tutti agiscano allo stesso modo, e proprio ieri uno di noi ne ha avuto la prova durante un heads up. L’altro giocatore, dopo aver visto che il nostro “X” aveva perso la connessione, l’ha letteralmente aspettato. Quando finalmente la partita è ripresa, l’avversario gli ha scritto in chat “non mi andava di vincere così, non sarebbe stato giusto… giochiamocela fino in fondo, siamo qui per questo!” ed era proprio vero. Alla fine il nostro compare aveva perso soltanto un paio di bui in circa 3 minuti di assenza, quindi ha potuto concludere il torneo in serenità (n.d.r. perdendo ugualmente, per altro!).

In questo caso, comunque, la situazione era un po’ particolare, in quanto nel momento in cui si resta soltanto in due capita spesso che per una sorta di rispetto reciproco si giochi anche in maniera diversa, talvolta mostrando le carte per giustificare un rilancio o come ha fatto questo super-onesto avversario aspettando il rientro in partita di chi per un colpo di sfortuna ha perso la connessione ad internet.

Quando però il tavolo è pieno, entrano in gioco diversi fattori: spesso la lunga attesa di qualcuno che è assente si trasforma in un aumento dei bui e in momenti snervanti in cui i giocatori riempiono la chat di “zzzzzz” (chi non l’ha mai letto?) e si spazientiscono: è comprensibile, dunque, che un tavolo da dieci persone non si possa fermare a causa di un problema di uno soltanto.

Certo, però, brucia: a un altro di noi, è successo che in un torneo con primo premio da 10.000 dollari e qualche migliaio di partecipanti da chip leader che era è rimasto come si suol dire in mutande. Sfortuna, anche perchè in quel caso la connessione era saltata per più di mezz’ora, ma proprio a un soffio dai premi si è ritrovato con gli avversari del tavolo arricchiti con le sue fiches e l’amarezza di non poter più rincorrere questo sogno.

Adesso però vogliamo che siate voi a concludere l’articolo: rubare o non rubare i bui? Questo è il dilemma…



Viva la Fiches - Il manuale del Poker Texas Hold'em
 
VivereDiPoker SHOP

10 Responses to “ Rubare i bui a chi è assente su internet: furbizia o ladrata? ”

  1. Vale82 Says:
    agosto 17th, 2009 at 19:46

    Io dico che sia “giusto” rubare, specie in un tavolo con più persone. Non si può fermare il gioco e far alzare i bui per il problema di uno solo. Quando capita a me, mi da fastidio, ma lo do per scontanto quindi non mi arrabbio

  2. Andrea Says:
    agosto 17th, 2009 at 23:09

    Concordo con Vale.
    Se cade la connessione a qualcuno sono cavoli suoi… tanto meglio per gli altri. Specie per chi è prima di lui che può mangiargli il buio! Se prima si parlava di varianza (o sfiga) ora bisogna considerare anche questo quando si gioca online

  3. the_reekers Says:
    agosto 18th, 2009 at 12:51

    Anch’io una volta ho aspettato un tipo che gli era caduta la connessione in un heads up (da 2 dollari). Al ritorno mi diceva ogni volta le carte che aveva e mi ha fatto vincere perchè ha detto che l’onesta paga sempre. Da quella volta, se posso, aspetto… chiaramente se siamo in tanti al tavolo cerco di non rendermii nemici gli alti, che magari pensano che aspetto il mio amico per fare collusion!

  4. Matteoweb Says:
    agosto 18th, 2009 at 13:56

    Io opto per rubare, sempre e comunque… a meno che al tavolo non ci sia una professionista del calibro di Kim, che allora si merita il massimo rispetto! :D

  5. FM Says:
    agosto 25th, 2009 at 17:23

    Saper riconoscere e cogliere le occasioni è importante e “rubare” al tavolo verde va bene, se uno vuole farlo.
    “Cards are War in disguise of a sport” secondo uno scrittore inglese dell’800 che forse non aveva tutti i torti.
    Preferisco vedere il Poker come un gioco di pura abilità e fortuna in cui le regole sono inviolabili ma in cui ogni cosa è lecita.
    Io, come giocatore, mi pongo uno o più obiettivi e, senza violare le regole (del gioco/civili/sociali/etiche) cerco con ogni mezzo di raggiungerli.
    Se i siti di Poker offrono ai giocatori queste occasioni, un giocatore può decidere di “rubare” o no a seconda che gli serva o no a raggiungere i suoi obiettivi e a seconda della Sua etica (ma qui rischio di andare sul filosofico quindi lascio stare).

    Approfitto del commento per dire a tutto il team di Vivere di Poker che questo sito è davvero entusiasmante.

  6. admin Says:
    agosto 25th, 2009 at 18:21

    Grazie FM per il tuo contributo e per i complimenti… il nostro vero carburante! ;-)

  7. Kelevr4 Says:
    ottobre 16th, 2009 at 06:53

    Ottimo argomento!! Io sono del parere che a volte si può ed a volte no.. per esempio mettiamo un caso di HU turbo con bui ogni 5 minuti nel mentre che aspetto che lui si riconnetta i bui possono essere saliti tanto da rendere la partita ingiocabile.. poi credo che dipenda dal perchè si giochi se per i soldi o per le abilità..
    ps. l’onestà non paga sempre!

  8. Orsino Says:
    aprile 9th, 2010 at 20:04

    Io ho aiutato a rientrare un giocatore anche lui italiano in un torneo con stranieri.Bhè ironia del destino siamo arrivati in fondo noi due e lui correttamente mi ha lasciato vincere il primo premio.Siamo diventati amici.

  9. admin Says:
    aprile 10th, 2010 at 11:31

    Grazie Orsino. E’ bello avere una testimonianza di questo tipo e sapere che ci sono dei Giocatori di poker con la “G” maiuscola che mettono il rispetto prima del montepremi ;-)

  10. bizzo Says:
    aprile 10th, 2010 at 13:32

    Orsino :) che piacere vederti qui, doglimi una curiosita sei Orst su Everest? se si eravamo al tavolo assieme il 7 e spero di trovarti anche il 13 e il 18.
    su Everest sono bizzotto77
    ci si becca al tavolo verde

Lascia un commento