Sculata? Sfiga?… No, semplicemente varianza!

C’è una parola che accostata al Poker Texas Hold’em può far scorrere sulla nostra pelle brividi di piacere o terrore, la famigerata varianza.

varianza_poker

Questo concetto matematico viene solitamente usato nella statistica (ecco perchè lo ritroviamo nel poker) per spiegare alcune differenze e particolari deviazioni rispetto a ciò che ci aspettiamo nel complesso mondo dei numeri.

Ora, senza entrare troppo in merito e rischiare di non uscirne vivi da una discussione matematica che farebbe rizzare i capelli ad Einstein, proveremo ad analizzare in che modo effettivamente la varianza influenzi le nostre piacevoli serate sui tavoli verdi.

Prendiamo un esempio classico: un avversario decide di andare all-in, noi sbirciando le nostre carte scopriamo di avere una bella coppia d’Assi in mano… possiamo mica foldare! L’altro giocatore scopre le sue carte, una coppia di 4. Bene, siamo a cavallo! …ed è proprio qui che entra in campo la varianza, silenziosa come un ninja e violenta come un episodio di “South Park”.

La statistica ci insegna che abbiamo una probabilità di vittoria che si avvicina all’80%, quindi possiamo stare relativamente tranquilli… ecco, appunto, relativamente. Perchè poi sul flop esce un bel 4 che dà il tris al nostro avversario e noi ci troviamo fuori dal torneo con le carte più belle del mondo.

Se analizziamo la situazione nello specifico, il 20% di probabilità di salvarsi che aveva l’altro giocatore corrisponde a 2 volte su 10, quindi tutto ciò non è poi così impossibile come molti potrebbero pensare. Sul lungo termine, il nostro avversario accumulerà più sconfitte che vittorie con quelle carte, ma noi tenderemo a ricordarci solamente le volte in cui i nostri Assi vengono scoppiati perchè una bruciante sconfitta lascia più segni di una rassicurante vittoria.

Quella deviazione casuale che ha fatto accadere l’ipotesi meno probabile, la varianza appunto, ha deciso la nostra sconfitta, ma sappiamo bene che nel lungo termine la coppia d’Assi batterà quella di 4 una media di 8 volte su 10.

La varianza ha un nick name tutto suo sui tavoli verdi, cioè sfiga: pensateci bene, quante volte avete sentito la frase “solo quella carta lo salvava ed è uscita”?

Così poi ce la prendiamo con l’avversario che “ha sculato”, il dealer che “porta sfortuna” o la poker room virtuale che “è truccata”.

In verità tutto questo nel magico mondo dei numeri è all’ordine del giorno, semplicemente succede e in statistica viene regolato dalla legge della varianza, ma non è lei la causa di tutti i mali del poker: i brutti giocatori, quelli che non hanno rispetto, quelli che giocano a Texas Hold’em come fosse una partita di bingo… ecco, questi davvero rovinano il poker. La statistica ci dice semplicemente che stasera abbiamo perso, ma se continueremo a giocare così nel lungo termine vinceremo… anche se “quella” mano con Asso-Asso brucia ancora!



Viva la Fiches - Il manuale del Poker Texas Hold'em
 
VivereDiPoker SHOP

9 Responses to “ Sculata? Sfiga?… No, semplicemente varianza! ”

  1. DeLaVega Says:
    agosto 4th, 2009 at 00:37

    …chiedo scusa ho fatto un commento in un’altra sezione del sito ed ho trovato una risposta parziale qua.
    E’ giustissimo, 8 volte su 10 vince AA nel caso di cui sopra…però non i importa delle prossime 9 volte a me serve vincere ORA !!! sto scherzando ovviamente, e poi ci ricordiamo meglio delle sconfitte brucianti e sicuramente non ricordiamo tutte le volte che un po’ a malincuore abbiamo foldato magari 88…e ci siamo meravigliosamente salvati. Ovvio che brucia un ignorante che chiama il tuo all-in con K6 (e neanche suited) o peggio scartine che ti bruciano le chips ma la mia domanda (nell’altra parte del sito) era che, leggende metropolitane a parte, secondo voi sono davvero sicuri i server a cui affidiamo il nostro gioco ed i nostri soldi? Come funzionano questi “programmi”? e perchè la realtà del gioco live sembra così diversa?
    Grazie “sito preferito” per ascoltarci…

  2. admin Says:
    agosto 4th, 2009 at 11:08

    La funzione che determina il mescolamento delle carte si chiama “shuffle” ed è un argomento piuttosto vasto e spinoso, tale da dedicare almeno un articolo a se.
    E visto che ce l’hai chiesto tu, in settimana ne scriveremo uno in merito. Grazie per lo spunto… e per il tuo modo affezionato di leggerci e commentare sempre gli articoli. E’ per quelli come te che abbiamo messo in piedi questo sito ;-)

  3. DeLaVega Says:
    agosto 4th, 2009 at 12:08

    Grandioso! Bene, aspetto con pazienza. Anche perchè l’argomento è spinoso e credo abbia fatto venire dubbi a chiunque si sia avvicinato ai tornei online.
    ok, grazie…..continuo a leggervi.

  4. alfredo Says:
    marzo 18th, 2010 at 00:51

    Io se posso vorrei solo aggiungere una cosa, ultimamente mi stanno accadendo cose molto strane.
    Gioco su full tilt da un anno circa, brevemente posso dire che non appena mi alzo un po, subito dopo comincio a perdere, avevo 108$ sul mio conto, nel giro di un mesetto circa mi ritrovo con 20,48$, faccio tornei gioco hai sit & go rush poker, diciamo tutto un po.
    Proprio questa sera, ma non è la prima sera, vado in all in con full di J con A, il giocatore viene al mio all in, mi ha battuto con un poker di Jack, 3 sere fa io colore all’Asso e lui mi batte con scala reale, io poker di 4 e vengo battuto da poker di 5, questa non è varianza sfiga o come si chiama, io lo chiamo lo spettacolo in questo caso di full tilt, non sono molto sicuro che le poker room siano cosi parziali.
    Devo ammettere che non sono male come giocatore, e la cosa ancora piu buffa, ho contato le mani vincenti in tre sere di gioco sembra impossibile: 4.
    esempio: io AA rilancio o faccio all in al flop esce 2 3 4 e vengo battuto con una scala viceversa io 4 5, al flop due Q e vengo battuto con un tris di Q, sempre la stessa cosa ogni volta che gioco.

  5. admin Says:
    marzo 18th, 2010 at 00:58

    Caro Alfredo, sappi che ti capiamo mooolto bene…
    Siamo sempre stati contro le affermazioni “è tutto truccato” ma abbiamo notato cose moooolto strane su Full Tilt, specie nel Rush Poker.

    A TUTTI NOI è successo di vincere, e parecchio, la prima settimana che abbiamo provato il Rush… magicamente, e senza cambiare livello o stile di gioco, TUTTI NOI abbiamo iniziato a perdere pesantemente ad ogni partita. Contro call assurdi sui nostri all-in (o grossi raise) per vederci scoppiare tris o scale al flop in modo che ha davvero dello “strano”… per non dire “truccato”!
    Immaginati call ad un tuo allin di 10-20 volte il buio per scoprire che ti hanno chiamato (persone con pari stack) con 6 e 10 o 8 e 4 per poi vederli chiudere scale o tris…. davvero molto, molto strano….

  6. alfredo Says:
    marzo 18th, 2010 at 01:39

    grazie della risposta, mi sento un po più su di morale adesso, pero è che full tilt lo preferisco ad ogni poker room ma non posso e non voglio continuare a vivere questo gioco e deprimermi sempre di più, il fatto è che non so dove poter giocare.
    I soldi fanno gola a tutti ma io in questo gioco metto anche il divertimento che purtroppo, per sfortuna, giocatori inesperti,
    o non so cosa, non esiste.
    Ps: appena cominciato, il torneo freeroll degli italiani su full tilt, nemmeno 5 minuti il primo aveva più di 9000 fishes.
    Fortuna o la sua serata vincente?

    Saluti e grazie ancora by

  7. alfredo Says:
    marzo 18th, 2010 at 01:45

    dimenticavo una cosa, parlando sempre di full tilt ma l’ho notato anche in altre poker room, non appena hai molte chip, a parte il vantaggio in quel caso, ti vengono sempre carte belle in mano, al flop, al turn e al river, sei spacciato.
    Raramente mi è successo di avere serate così, ma quando mi sono capitate vincevo ogni mano con i più deboli non solo per la mia quantità di chip ma anche per le carte che mi uscivano.

  8. OTTONE Says:
    marzo 31st, 2010 at 12:23

    SU FULL TILT TUTTO QUELLO CHE VINCI POI LO PERDI

  9. giu Says:
    gennaio 9th, 2011 at 05:20

    giocando su fulltilt a rush poker anch’io ho avuto cattive sensazioni, all’inizio sembrava che i soldi me li regalassero, ogni volta che avevo un punto forte mi mandavano l’allin (e molti di questi erano anche giustificati dato le carte che avevano in mano) poi ad un certo punto tutto è girato in negativo, in 700 mani non ho vinto più nulla, ogni volta che avevo un punto e c’era un piatto consistente io perdevo perchè ai miei avversari entravano tutti i progetti a colore e a scala, a me non è mai entrato un progetto (l’unica volta che mi è entrato un colore ho cmq perso contro un colore più forte) con le monster ho vincevo poco ho perdevo quando il piatto era interessante perchè i miei avversari erano particolarmente fortunati…..
    conclusioni: non credo che ci giocherò più, al massimo potrò rifarmi una sessione tra qualche mese scaricando poi l eventuale vincita
    saluti a tutti

Lascia un commento