Sit&Go Mania – ep. 9

Eccoci cari lettori, giunti all’oramai nono capitolo della nostra rubrica “Sit&Go Mania” .
Oggi vi parleremo dell’ultima categoria di mani della fase Mid-Blind: le “Mani da Lupin”.

Le mani per rubare in late position devono, in questa fase di gioco, diventare il nostro “pane quotidiano”; nella Mid-Blind, i bui si sono già fatti consistenti e rubare un piatto prima del flop diventa essenziale.
Nell’optare per questo tipo di azione, dovremmo comunque giocare carte che possano offrire varie possibilità di vittoria qualora venissimo chiamati quindi, quanto stiamo valutando se andare a giocare per rubare dei bui, poniamoci tre semplici domande:

1) Quanto è forte la mia mano? Dopo aver letto tutti i capitoli della “Sit&Go Mania” dovremmo aver imparato come valutare il potenziale della nostra mano; mani come A2 richiedono per esempio un asso al flop, e comunque avremmo il kicker peggiore! Giochiamo mani coma AT, QJ, T9, 98, carte che possono darci progetti importanti quali scale o colori…

2) In che posizione sono al tavolo? Da Cute off, Bottone, Small Blind (senza limp) i giocatori a cui rubare sono pochi, in “Middle Position +1/2/3″ restano 6/5/4 giocatori a cui rubare il pot, la cosa si fa assai più impegnativa.

3) Quante possibilità ho che al mio raise, i miei opponent passino? La risposta a questa domanda diventa cruciale: ovviamente con giocatori tight/passive dovremmo rubare ogni mano senza preoccuparci troppo, con giocatori loose, muniti di grossi stack, dovremmo fare molta attenzione. Fattore fondamentale diventa anche la dimensione del nostro stack; con uno stack inferiore a 10 Big Blind è consigliabile andare direttamente all-in piuttosto che provare a rubare il pot: uno perché ci renderebbe comunque pot-committed, due perché a questo punto un nostro raise all-in spaventerebbe sicuramente di più.

Le situazioni più difficile però, ci si presenteranno quando verremmo chiamati, quindi cari lettori, NOI di VivereDiPoker.com vi consigliamo di seguire queste tre linee guida nel post-flop:
a) nel caso mancassimo il flop, un totale “buco nell’acqua”, dovremmo comunque optare per una continuation bet, 1/3 pot potrebbe essere la size giusta, questo per due semplici motivi: in primis mostrare forza sia preflop che al flop, in secundus con e una puntata così, evitare di rischiare troppe fiches…
b) se invece centrassimo il flop per metà (4/5 di scala o colore, una middle pair…) potremmo puntare sul flop, ma evitando poi altri raise nel caso la nostro mano venisse chiamata e non migliorasse al turn o al river.
c) il caso migliore: se legassimo il flop “a bomba”, dovremmo puntare per valore, senza nessun timore; in una mano tipo QJ, ed il flop ci regala una top pair alla Q, allora dovremmo puntare senza indugio e se chiamati continuare a raisare.

Analizziamo ora la nostra classica mano esempio per capire meglio come mettere in pratica i consigli di oggi…

Mano esemplificativa n.1o:

Tavolo: 9 giocatori

Livello dei bui: 50-1o0 fiches
Le nostre chips: 2100 fiches
La nostra mano: Abbiamo A6 a fiori di Cute off.
Azione: Tutti gli opponent foldano fino a noi che decidiamo di aprire 2,5x, ovvero 250 fiches. Lo Small Blind chiama, mentro il Big Blind lascia la mano. Siamo 2 giocatori al flop e 600 fiches nel pot. Il Flop regala K fiori, 6 quadri, 4 fiori. Lo Small blind fa una minimun bet, 100 fiches.
Cosa fare?: Foldare o rilanciare la nostra middle pair con progetto a colore? Rilanciamo subito a 4x, ovvero 400 fiches. Una middle pair in Heads-Up è un’ottimo punto e comunque i nostri 4/5 di colore al flop ci dicono che la nostra mano migliorerà entro il river, 1 volta su 4, ovvero un 25% delle volte; nel caso andassimo incontro ad un raise del nostro avversario dovremmo passare, ma un rilancio dell’opponent qua sarebbe troppo strano! Raisando pre e post flop, noi stiamo dimostrando grande forza, e nel caso lui avesse davvero una mano (top pair, set…), al flop avrebbe fatto check, conscio del fatto che noi saremmo comunque andati in c-bet, essendo noi gli aggressori del pot. Questa è una mano che si perde davvero poche volte, e che quindi risulta perfetta per fare i Lupin della situazione.

Anche per oggi è tutto, noi e l’ispettore Zenigata vi salutiamo e vi diamo appuntamento a martedì prossimo con il decimo capitolo della “Sit&Go Mania” e per celebrare questo traguardo….beh…vedrete! Vamossssss



Viva la Fiches - Il manuale del Poker Texas Hold'em
 
VivereDiPoker SHOP

Lascia un commento