Una fonte autorevole (ed informata) parla di Poker: La Vita Cattolica… ah beh!!!

Questa volta, dopo i videogiochi, quell’insieme alberi abbattuti, trattati chimicamente e colorati che in edicola prende il nome di “Vita Cattolica” ha trovato un nuovo nemico di noi giovani, un male dei giorni nostri, un’arma del diavolo chiamata… POKER!!!! E dall’alto dell’onniscenza donata dal loro titolare, ce ne parlano in modo come sempre obiettivo e per niente di parte…

vita-cattolica-poker

Le mie notti bianche inseguendo un’illusione. Battere centinaia di sfidanti per pagare le tasse universitarie”. Una moda che dilaga.
Quando il gioco d’azzardo, magari on line, sostituisce la discoteca. Nuove mode giovanili, con tanti, troppi rischi. Eppure i genitori chiudono un occhio.

Queste le parole riportate in un articolo del 31 luglio 2010 su un quotidiano locale del Friuli Venezia Giulia intitolato “LA VITA CATTOLICA” Come ben sapete ragazzi, noi di VivereDiPoker siamo proprio esperti nel trovarvi queste chicche e poi commentarle a nostro modo quindi 3…2…1…amen…ehm…via!

L’articolo scritto da un tale F.D.M. narrava la storia di un giovane udinese universitario di soli 21 anni chiamato Marco. Il sottotitolo dell’articolo era chiaro e scritto a caratteri cubitali “Pagarsi l’università col poker” al che noi  abbiamo pensato : “cavolo bullo questo va che mi leggo l’articolo!

Da dannnnn….da da da dannnn…halleluja!
L’articolo non parlava del buon Marco, ma del fatto che noi e soprattutto VOI giovini universitari passiamo troppe ore davanti al pc ad inseguire un sogno (e chiamateci scemi con tutti i tornei super ricchi che ci sono on line) e del fatto che  “il poker online è ancora più pericoloso di quello con le carte tradizionali”.

L’articolo sottolineava il fatto che questo Marco, si portava a casa i suoi 800-900 euro al mese (che poi se uno monetizzasse così tanto e costantemente tempo 1 anno diventa Pro di qualche Poker Room sicuro!!!): “la sera investe 5-6 ore davanti al computer, non riposa, ovviamente non studia, dorme al mattino e se, invece, ha lezione, dorme il pomeriggio col rischio che se non è bravo i 5 o 10 euro giocati se li perde”.

Lo sappiamo, state già per ridere e ridere e ridere, ma le frasi clou arrivano ora “il server di vari siti, organizzando il gioco ti organizza il tempo libero, quindi le relazioni con gli amici, la vita stessa” porca miseria ragazzi e si che non dicono il server perché noi per organizzarci ci impieghiamo mezza mattina solo per metterci d’accordo sul dove vederci, magari ci fosse un server che ci amministrasse la giornata, gioia e giubilio!

Ma la ciliegina sulla torta, è la frase che dice che “il poker online è davvero un cattivo maestro; ti impone di raccontare bugie, perfino a te stesso”!!
Restando ragazzi di un parere non di parte, diciamocelo chiaramente: la Santa Sede non sapendo contro chi sparare, con Lucifero in ferie, vari  pedofili (!!!) “perdonati” ha trovato nel Poker “la mano destra del diavolo” (poveri dealer ^^).

Certo ragazzi ce da dire che tutto portato all’esagerazione fa male, ma “chiudersi in casa” 5 ore davanti al nostro computer sulla nostra bella sedia girevole, piuttosto che andare in giro a ubriacarsi o magari a fare “brutte” fini in certe discoteche, secondo noi oltre ad essere molto più salutare è anche molto meno dispendioso!

Poi si sul fatto che sia una moda che ha preso il largo è sotto gli occhi di tutti, ma  il poker rimane un gioco “sano” se giocato con la testa sulle spalle; un gioco di abilità, non d’azzardo come spesso giornalisti mal informati scrivono ma soprattutto, il poker è un gioco dove si conosce gente, ci si diverte, ci si relaziona con molte persone e di conseguenza molti pensieri, ed é grazie al poker online se ora tutti parliamo in “pokerese” e chissà, magari un giorno, perchè no, una domenica, vorremmo tanto vedere un vecchietto con una tunica bianca dire “Cari fratelli, è ciunta l’ora di andare in…. ALL INNNNNNNNN!!!!”

Il nostro consiglio? Parlate con i vostri genitori/fidanzate/mogli, fate vedere loro cosa significa giocare a poker, fateli entrare nel vostro mondo, non lasciate che a parlare siano solo certi media spara-minchiate, dite la vostra! E magari non passeremo più per drogati ma per ragazzi che si divertono giocando a carte, anche con gli amici, piuttosto che ubriacarsi in qualche locale!



Viva la Fiches - Il manuale del Poker Texas Hold'em
 
VivereDiPoker SHOP

2 Responses to “ Una fonte autorevole (ed informata) parla di Poker: La Vita Cattolica… ah beh!!! ”

  1. riff Says:
    agosto 17th, 2010 at 13:22

    fate entrare nel vostro mondo soprattutto le morose!! no ale?:)

  2. Cocx Says:
    agosto 18th, 2010 at 00:15

    non capisco cosa ci vedano di male ALCUNE morose in un tavolo con soli maschi, rinchiusi in una casa o in un casinò, con gli occhi puntati solo sulle carte! mah ^^

Lascia un commento