Una manciata di cose giuste e sbagliate nel Poker

A noi piace tanto il Poker Texas Hold’em per tanti diversi motivi: innanzitutto, perché ci dà la possibilità di conoscere tanti diversi tipi di persone, per seconda cosa perché non basta semplicemente conoscere le regole del poker per vincere ma ci vuole sempre – oltre a un pizzico di fortuna che non guasta mai – anche quel pizzico di intuizione in più rispetto agli avversari, e dulcis in fundo perché ci dà la possibilità di sognare, grazie ai tornei milionari sparsi per il mondo.

Oggi vogliamo vedere insieme a voi una lista di quattro cose giuste e sbagliate da fare nel poker, sia che ci piaccia divertirci nei tornei live sia che la nostra passione sia giocare al poker online.


Attitudine sbagliata –
Partecipare a un torneo di poker sperando di avere fortuna e battere così i nostri avversari.

Attitudine giusta – Partecipare a un torneo di poker e renderci conto che dovremo attingere a tutte le nostre abilità per difendere le chips che abbiamo davanti e vincere quelle degli avversari. Dobbiamo riuscire a comprendere i nostri limiti e i punti di forza, e pensare positivo, con la convinzione che la vittoria potrebbe essere nostra. E sarà nostra!


Immagine sbagliata –
Assicurarci che gli avversari ci rispettino, che sappiano che facciamo un milione di calcoli prima di agire e che mai e poi mai ci lasceremo sopraffare dagli eventi.

Immagine giusta – Noi vogliamo invece che i nostri avversari pensino che commettiamo molti errori, che non siamo in grado di sostenere la pressione del torneo, che siamo inclini al tilt, che siamo in sostanza degli incompetenti. Dobbiamo fare in modo che gli altri giocatori ci sottovalutino, e magari pensino anche “Incredibile, quell’idiota continua a vincere!”. Solo noi sappiamo in realtà che quell’idiota prima di ogni azione fa tutta una serie di considerazioni.


Tattica sbagliata –
Sperare che i giocatori occasionali foldino davanti a un nostro check-raise.

Tattica giusta – Ora vi sveleremo una piccola cosa che probabilmente pochi di voi sanno: la tattica del check-raise, da noi tanto amata per il suo potere di dissimulazione, dai giocatori occasionali viene vista come una mancanza di rispetto, una scorrettezza. Applicando quindi questa tecnica a un tavolo di giocatori poco preparati, non solo ci attireremo tutte le antipatie del tavolo, ma potremo star certi che non sortirà l’effetto desiderato, sarà anzi il modo migliore per farci chiamare in pesca da chi non sa giocare. Le tattiche sofisticate conserviamole per gli avversari sofisticati ;-)


Gestione sbagliata del bankroll –
Spendere compulsivamente le nostre vincite in tornei costosi o tavoli che non sono alla nostra portata.

Gestione giusta del bankroll – Riuscire a far crescere il nostro bankroll con costanza è impegnativo e laborioso, e per questo motivo merita rispetto. Non facciamoci prendere la mano dalle nostre vincite, dobbiamo restare con i piedi per terra e far sì che le azioni che intraprenderemo non siano dettate dal fascino del poker e del denaro, ma siano il frutto di decisioni sagge e maturate da oculate riflessioni. Vorremo mica perdere tutto presi dallo shopping compulsivo di ticket per i tornei? ;-)



Viva la Fiches - Il manuale del Poker Texas Hold'em
 
VivereDiPoker SHOP

Lascia un commento